PROPOSTE PER ATTIVITA’ DIDATTICHE

Da diversi anni al Castello di Montefiore Conca si propongono visite e laboratori dedicati ad ogni fascia d’età al fine di riuscire a coinvolgere tutti in un viaggio indietro nel tempo alla scoperta della storia, del nostro territorio e delle dinamiche di vita medievali. La Rocca Malatestiana è infatti una fortezza trecentesca che conserva integra l’atmosfera del passato e grazie alle ricostruzioni storiche, gli scavi archeologici, gli affreschi e i reperti originali è impossibile restare indifferenti.
Le nostre attività sono dedicate a gruppi scolastici di ogni ordine e grado, dalla scuola dell’infanzia a istituti superiori.  Le proposte sono tutte strutturate per raggiungere specifici obbiettivi educativi e didattici e sono basate su metodologia di didattica attiva ed inclusiva. 
Un’equipe di operatori professionisti si occupa di trasformare una semplice gita in una esperienza indimenticabile curando con passione e nel dettaglio ogni aspetto di visita:   educativo, emotivo e didattico.

Le attività hanno una durata di circa 1 ora e mezza ed il costo per ogni bambino è di euro 5,00.

In caso di mal tempo il Castello di Montefiore Conca mette a disposizione sale per consumare merende o pranzi al sacco.

INFANZIA (percorsi teatrali e laboratori)

DAME E CAVALIERI

Uno stregone ogni tanto si diverte a far dispetti ai castellani, questa volta per metter fine al brutto sortilegio è però necessario l’aiuto di valorosi forestieri. Un viaggio indietro nel tempo alla riscoperta di quando, negli ampi ambienti della Rocca di Montefiore Conca, era ancora possibile incontrare dame danzanti e cavalieri pronti a difendere il proprio Signore come fece Giulianin! Nel laboratorio i bambini costruiranno tutto il necessario per ridare vitalità a questo antico castello, diventando loro stessi Cavalieri e Dame per un giorno.

IL CAVALIERE, IL CAVALLO E LA PIETRA MAGICA

C’era una volta la storia di un cavaliere che incontrò un cavallo e grazie ad una pietra magica i due …. Un racconto avventuroso e divertente al quale prender parte tutti insieme con il corpo, il ritmo e la voce. Grazie alla pietra speciale che ognuno potrà personalizzare a suo modo, tutti porteremo a casa una suggestiva esperienza e un oggetto magico al quale rivolgersi in ogni momento.

i capricci di Belfiore

capricci-belfiore-didattica-montefiore-conca-castelloIl piccolo Belfiore, così soprannominato perché nato nel castello di Montefiore Conca il 5 luglio 1377, ha invitato i bambini a giocare con lui presso il castello ma… non si fa trovare all’appuntamento! Belfiore è un vero birichino che ne combina di ogni colore. Cercandolo per il castello e osservando i suoi capricci, i bambini scopriranno usi e costumi del Medioevo. Nel laboratorio il percorso verrà ricostruito attraverso l’illustrazione di un libro pop up.

 

SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO (attivita’ didattica)

il castello sonoro

Alla scoperta della Rocca di Montefiore esplorando le possibilità acustiche dei suoi spazi e dei suoi ambienti. Come suona un castello? Come possiamo muoverci al suo interno? Il legno scricchiola, il pozzo risuona, la campana batte i suoi rintocchi… La voce ed il corpo per sperimentare e dare forma ad un immaginario popolato di personaggi legati al mondo medioevale. In laboratorio ognuno realizzerà la sua scatola sonora.

Malatesta vs Montefeltro

Tra Medioevo e Rinascimento furono due le famiglie che segnarono la sorte e gli equilibri politici delle terre tra Marche e Romagna: i Montefeltro e i Malatesta. Durante la seconda metà del XV sec. due dei più celebri condottieri di queste famiglie, Federico da Montefeltro e Sigismondo Pandolfo Malatesta si sfidarono e affrontarono decretando epici momenti storici. Insieme ripercorreremo vita e gesta di questi due condottieri e dei personaggi politici che gravitarono al loro fianco dimostrando come le scelte militari abbiano da sempre necessitato di astuzia e competenze strategiche.

Tra gli stemmi araldici dei Malatesta non a caso la scacchiera, simbolo di strategia e competenze militari. Nel laboratorio i ragazzi approfondiranno le dinamiche del gioco degli scacchi, gioco della guerra e ricostruiranno copricapi per dar vita a scacchi a dimensione naturale che consentiranno di intraprendere una partita di classe.

BALLA CHE TI PASSA!!

Come danzavano le dame e i cavalieri di un tempo? Passi, movenze ed antiche melodie ci guideranno attraverso in un suggestivo percorso per imparare a muoverci e divertirci come si faceva dentro e fuori dai castelli. Dopo aver visitato gli ambienti del castello scopriremo come durante il Medioevo, soprattutto a corte, la pratica della danza così come quella della musica, soddisfaceva la necessità di educare in eguale misura sia il corpo che lo spirito, una pratica tesa a sviluppare la bellezza e l’armonia della persona.

giullari poeti e cantori dell’amor cortese

Nel Medioevo il giullare era una figura eclettica che per professione vagava di corte in corte intrattenendo signori con spettacoli di vario genere. Egli infatti sapeva recitare, suonare, ballare o fare acrobazie. Quando le corti diventarono centri di potere consolidato, tra il XII e il XIII secolo, si affermò anche la figura del trovatore, cioè del poeta che componeva i versi e spesso la musica delle sue poesie. Tra la fine del Medioevo e l’inizio del Rinascimento, il poeta diventò un vero e proprio cortigiano il cui compito era quello di lodare le imprese del signore e la bellezza della sua signora. In occasione delle nozze di Sigismondo e Isotta due giullari si trovano in difficoltà a causa delle loro scarse doti poetiche. Una volta illustrate le caratteristiche letterarie dell’amor cortese i ragazzi saranno chiamati a cimentarsi nella scrittura, animazione e recitazione di versi dedicati ai novelli sposi.

il tesoro di Sigismondo

tesoro-sigismondo-malatesta-montefiore-conca-castelloIn seguito al ritrovamento di un documento dell’anno 1464 nel quale un cittadino riminese, tale Mengozzi, confessa di aver udito che era intenzione di due traditori “rompere certa parte della Rocca di Montefiore, dove sapevano ed avevano notizia che era riposto il tesoro di Sigismondo”, due cacciatrici di misteri approfondendo le ricerche scoprono che manca poco per ritrovare questo tesoro. Allora perché, nel poco tempo rimasto, non dare il tutto per tutto? Come se Sigismondo avesse lasciato degli indizi e solo chi saprà decifrarli, dimostrando di conoscere alla perfezione il suo castello potrà aggiudicarsi il suo Tesoro. Una tappa dopo l’altra i ragazzi visiteranno in gruppi, autonomamente il castello per poi concludere l’attività con un breve laboratorio creativo che darà loro la possibilità di riportarsi a casa un “pezzetto del tesoro”.

SCUOLA SECONDARIA (attivita’ didattica)

archeo-logico

Come facciamo a conoscere la storia che ci è descritta sui libri o raccontata durante una visita guidata? Tutto sta nel saper leggere e rielaborare le fonti: documenti scritti, iconografici e architettonici sono il punto di partenza per ricostruire la storia. Aggirandosi per gli spazi del castello, tra le trascrizioni di antichi carteggi, immagini e reperti, i ragazzi dovranno svelare i meccanismi della vita materiale, di quella nobile e di quella militare tra Medioevo e Rinascimento. Saranno loro stessi, cimentandosi nei panni degli studiosi, a scrivere la storia e condurci come guide in un viaggio a ritroso nel tempo.

PROPOSTE PER VISITE ANIMATE

Le visite animate sono percorsi guidati tematici-teatrali ideali per bimbi dai 4 agli 8 anni. Essi propongono una visita del Castello di Montefiore Conca in modo dinamico e divertente grazie al coinvolgimento diretto. La durata è di circa 1 ora e il costo di 4,00 euro a bambino.

alla ricerca di Belfiore

Compito di Baldovina sarebbe quello di accudire ed educare Belfiore, il piccolo principino nato proprio nel Castello di Montefiore Conca. Ma l’indole capricciosa e vivace del fanciullo, lo conduce sempre a compiere qualche marachella. Anche questa volta Belfiore è sparito e la povera balia si vede costretta a cercarlo su e giù per tutto il castello.

VIAGGIARE CON VIAGGIANTE

dame-cavalieri-montefiore-castelloUn anomalo scienziato in cerca di avventura è alle prese con uno dei suoi tanti viaggi indietro nel tempo quando… la sua macchina improvvisamente si rompe lasciandolo intrappolato nel XIV secolo. Se non fosse stato per quella stanzetta che gli abitanti di Montefiore Conca gli hanno lasciato chissà che fine avrebbe fatto…Dal suo ritorno è passato poco tempo e per sdebitarsi dell’accoglienza e dell’aiuto ricevuto, Viaggiante è pronta a ripartire portando con sé anche tutti voi.

Contattateci per ricevere il depliant con tutte le proposte nel dettaglio e programmare insieme a noi una gita indimenticabile:

E-mail castello.montefiore@dominocoop.it
tel. 0541 980179
cel. 334 2701232